Prezzi chiavi in mano! Pensiamo a tutto noi, scopri come lavoriamo!

Invia richiesta Telefono+390247952200

Come sopravvivere al Blue Monday

Dopo le feste di Natale e capodanno, i lauti pranzi, il vino e i bagordi, Gennaio sembra fatto apposta per rimettersi in forma e tenersi lontani dalle leccornie e dagli eccessi che hanno contraddistinto le nostre vacanze. Peccato che il tempo faccia schifo. E che faccia freddo. E che venga buio quando ancora non siete nemmeno usciti da lavoro, figuriamoci la mattina quando l’odiosa sveglia comincia a suonare. Ci sarà un motivo, insomma, per cui il terzo lunedì del mese di gennaio è considerato il giorno più triste dell’anno. Una giornata che gli esperti (si fa per dire…) hanno chiamato Blue Monday. Vediamo insieme come uscirne indenni.



Il termine Blue Monday (da non confondere con il Black Friday, giornata dedicata agli acquisti) è entrato per la prima volta nel linguaggio comune nel 2006, quando l’emittente televisiva Sky lo utilizzò in un comunicato stampa destinato a un programma di viaggi ed esperienze all’estero. L’invenzione del nome si deve però allo psicologo Cliff Arnall, al tempo docente dell’università di Cardiff, che racconta di essere arrivato a individuare nella data del terzo lunedì del mese il giorno più triste dell’anno grazie a una equazione. Secondo i calcoli, infatti, nel lunedì del Blue Monday vengono a galla i dubbi sull’aver speso troppi soldi a natale, la malinconia di dover attendere a lungo per le prossime ferie, la certezza di aver fatto retromarcia sui buoni propositi.

Ecco i 5 suggerimenti per sopravvivere al Blue Monday:

Organizzate una bella serata con gli amici o il proprio partner



L’antidoto più facile da mettere in pratica. Il modo migliore per allontanare la tristezza dal 21 gennaio 2019 è farlo attraverso il risveglio dei sensi. Puntate sulle emozioni, pensate a divertirvi. Seppellite la malinconia sotto a una palata di risate. Solleticate il palato con una cena di coppia in un ristorante speciale. Andate a vedere un bel film al cinema o brindate con un bel bicchiere di vino rosso a tutto quello che vi aspetta, con la certezza che ormai la primavera è ogni giorno più vicina. In una giornata probabilmente fredda come quella del Blue Monday, ciò che può fare la differenza è il calore delle persone che avete intorno.

Rinnovate il look



Con l’arrivo del nuovo anno, è tempo anche di dare una rinfrescata al proprio aspetto. Fate acquisti: portatevi a casa quel capo ancora in saldo che avete adocchiato più di una volta in vetrina. Fissate un appuntamento dal parrucchiere e con un pizzico di coraggio proponete un taglio diverso dal solito, o anche solo una spuntatina. Nel caso in cui il parrucchiere sbagli la misura, avrete in tal modo qualcuno con cui rivalervi. Doveste rimanere insoddisfatti dal taglio realizzato, potrete dirgliele talmente tante da rendere il suo Blue Monday ancora più triste del vostro. Pensateci.

Pianificate una gita fuori porta o un viaggio imminente



Come si evince dal nome, il Blue Monday cade appunto di lunedì. Quale migliore modo di ingannare l’attesa e la tristezza semplicemente fuggendo altrove. Al diavolo le ferie appena concluse, potete concedervi un weekend da qualche parte nei giorni immediatamente prima e nessuno vi potrà fermare. Altrimenti, in seconda battuta, potete programmare un viaggio più corposo da realizzare nei mesi successivi. Soltanto l’idea di abbandonare i confini e trovare conforto in vacanza è un toccasano in grado di ribaltare la giornata. Tenete presente che tra Pasqua, 25 aprile e primo Maggio, saranno parecchie le occasioni per fare un ponte degno di questo nome.

Rimettete a posto la vostra casa per rimettere a posto la vostra vita



Sembra una cosa da niente, ma a volte l’entropia di ciò che ci sta intorno rappresenta il disordine mentale che ci affligge. Dal momento che tutto è collegato, un’azione così semplice come quella di rifare il letto come prima cosa la mattina appena svegli, può essere d’aiuto per iniziare bene la giornata. Come diceva un celebre soldato in un discorso motivazionale che ha fatto il giro su internet, è importante fare il letto la mattina poiché se al termine della giornata vi accorgerete di non avere combinato niente… beh, potrete sempre dire che una cosa, quel giorno, l’avete fatta: il letto. Non è poco, ma si può fare di meglio. Disfate l’albero di Natale, se ancora non lo avete fatto durante l’epifania. Rimettete a posto gli armadi, le scrivanie, ordinate i libri e buttate via il superfluo, nascondete in cantina i regali-bidone che riciclerete alle prossime festività e inspirate a pieni polmoni quando vedrete casa vostra di nuovo spaziosa.

Non credeteci



Si, avete capito bene. Fate semplicemente come se il Blue Monday fosse un giorno come gli altri. Ignoratelo, non date ascolto allo psicologo che lo evidenziò come giorno più triste dell’anno. Date ascolto ai detrattori di tale affermazione, i quali dissero anni più tardi che l’equazione che aveva portato alla nascita del fenomeno era da considerarsi terribilmente inesatta. Fate del vostro meglio per rendere la giornata speciale, per voi e per gli altri. Il termine che vi guiderà nel corso di lunedì 21 gennaio sarò quello di “neuroni specchio”. Per ogni sorriso regalato, ne avrete uno indietro. Per ogni gentilezza o cortesia di cui vi renderete protagonisti, ci sarà una persona meno triste intorno a voi. E se vi state chiedendo cosa ci guadagnate in tutto questo, pensate ai Beatles che cantavano: “in the end, the love you take is equal to the love you make”.

Argomenti

Argomenti