Prezzi chiavi in mano! Pensiamo a tutto noi, scopri come lavoriamo!

Invia richiesta Telefono+390247952200

Milano non si ferma mai

È proprio vero che in tutti questi anni Milano non è mai rimasta uguale a se stessa, neanche per un giorno, figuriamoci per un decennio. Tanti sono stati gli appellativi attribuiti in passato al capoluogo della regione Lombardia; appellativi che sono cambiati col passare del tempo, parallelamente alle trasformazioni che l'hanno vista protagonista. Siamo passati dalla Milano da Bere alla città che non dorme mai, passando per la fiera Expo e infine arrivando all’hashtag coniato appositamente per difendere l’immagine dalla città dagli ultimi avvenimenti: #milanononsiferma. Questo è lo slogan che i cittadini milanesi hanno scelto per rilanciare la città e riconquistare la fiducia da parte degli altri paesi, dopo il caos generato dalle notizie (spesso esagerate) sulla diffusione del Coronovirus. Apprendiamo infatti oggi che molte testate giornalistiche italiane sono state denunciate per procurato allarme, dopo aver inondato le edicole e i siti web di titoli sensazionalistici, scelti apposta per generare il panico. A riprova del fatto che l'Italia è un paese sicuro e Milano la sua roccaforte.



In questi ultimi vent’anni la città di Milano è cambiata radicalmente, si è trasformata in una vera e propria metropoli che ha poco da invidiare ad altre capitali europee e sempre più proiettata verso un futuro fatto di start up, innovazione, tecnologia e sharing economy che è presente a vari livelli nel tessuto economico che muove il business in città. Milano lo sa bene, l’unico antidoto alla vecchiaia è il cambiamento. Alcune delle piazze tanto care ai cittadini milanesi hanno indossato un vestito nuovo, si sono presentate agli occhi del nuovo millennio con grattacieli di stampo quasi americano, centri commerciali con negozi di gran pregio. Sono sorti nuovi parchi e sono stati riqualificati interi quartieri; in tutto questo però Milano ha fatto tesoro del suo passato per conservare quella "milanesità" che rende questa città unica al mondo e in tutta Italia.



Il progetto di  Torre Galfa è soltanto l’ultimo in ordine di tempo per quanto riguarda le riqualificazioni architettoniche del quartiere Porta Nuova, quello che un tempo era comunemente chiamato centro direzionale di Milano. Il palazzo, sede in precedenza di una celebre azienda petrolifera, dopo essere rimasto chiuso e abbandonato a lungo, salvo una breve occupazione da parte del collettivo di Macao, si prepara oggi a rappresentare un'oasi di gran lusso a pochi passi dalla stazione centrale, con appartamenti gestiti da Halldis che godono di una vista meravigliosa sulla città. Le riconoscibili vetrate sono state restituite alla collettività nella loro forma originaria e il vanto principale di tutto il progetto firmato Unipol sta nel bassissimo impatto energetico di cui sarà dotato il grattacielo alla fine dei lavori.



Oltre a Torre Galfa, si può dire con una certa tranquillità che la fiera di Expo, avvenuta nel 2015, ha dato una vera e propria impennata ai progetti che hanno avuto la responsabilità di trasformare la città. Basta uscire da Porta Garibaldi per farsi un giro presso Piazza Gae Aulenti, considerata una delle più importanti opere di riqualificazione urbana mai avvenute nel centro di Milano. Quella che un tempo era una zona semplicemente degradata, simile per molti versi ad altre aree limitrofe alle grandi stazioni, oggi è un vero e proprio centro di uffici e shopping che attira visitatori da ogni parte della città anche solo per ammirare il pinnacolo della torre Unicredit che si spinge realmente fino al cielo con una maestosità da lasciare a bocca aperta.



Possiamo parlare della riqualificazione di Milano senza toccare il progetto di Isola e di conseguenza quello del Bosco Verticale? Alla risposta ci siete e probabilmente già arrivati da soli. Il quartiere Isola è letteralmente rinato dopo gli interventi avvenuti negli ultimi 10 anni che hanno contribuito a renderlo una delle zone più frequentate, trendy e chic di tutta la città. Meta di artisti, designer, studenti… Il quartiere di isola è oggi un luogo molto ambito. Impreziosito anche dai due grattacieli quasi gemelli del bosco verticale, progettati dallo studio Boeri, che hanno vinto il premio come miglior grattacielo nel mondo qualche anno addietro. Una vera e propria visione estatica di piante e arbusti che ricoprono la facciata di un palazzo che è diventato uno dei simboli della nuova Milano.



Se siete ai frequentatori del centro di Milano e dei Navigli, vi sarete accorti che rispetto a dieci anni fa la situazione è cambiata drasticamente, per fortuna in meglio; anzi molto, molto meglio. L’Expo ha portato anche alla inaugurazione della nuova darsena che ha contribuito almeno in parte a ridare a Milano l’immagine che un tempo possedeva ovvero quella di una città d’acqua attraversata dai canali dei Navigli. Pur essendo molti di questi canali ancora chiusi o nel peggiore dei casi interrati, la nuova darsena si è subito imposta tra le frequentazioni dei cittadini milanesi come meta prediletta per la vita notturna, ma anche per brevi e dolce passeggiate in riva al naviglio, magari in una giornata di sole di primavera, con la musica degli artisti di strada che ci accompagna verso il tramonto.



Altri progetti di riqualificazione sono stati quelli relativi alle varie cascine ai margini del centro. Molte di queste oggi ospitano ristoranti e locali in cui consumare aperitivi o ascoltare ottima musica dal vivo. Come il mare culturale urbano o la Cascina Triulza, che rivendica con orgoglio l’origine contadina e agricola della città di Milano e soprattutto dei suoi dintorni. Sempre in tema di cascine, vale la pena di leggere la storia della cascina cuccagna che grazie all’impegno dei frequentatori e dei cittadini residenti nel quartiere si presenta oggi come un luogo unico, a due passi da Porta Romana, in cui pare di stare in campagna, pur trovandosi in pieno centro.



Tutto questo a dimostrazione di una città che negli ultimi vent’anni non si è mai fermata e sicuramente non si fermerà oggi. Basta guardare all’orizzonte per vedere quanti nuovi progetti di costruzione e altrettanti grattacieli si preparano a scalfire il cielo della Lombardia nei prossimi anni. Segno che la città possiede un cuore moderno in cui è possibile progettare il futuro. Sono sempre più le aziende che decidono di stabilirsi qui nel nord Italia; sono sempre di più anche i turisti che decidono di visitarla durante il loro viaggio in Italia. Milano non possiedo un fascino nascosto, essa stessa è il manifesto del fatto che è possibile cambiare, sempre in meglio.

Argomenti

MILANO
scopri i nostri appartamenti

Argomenti